Al via la finanza solidale

Alla campagna di capitalizzazione si affianca, nella primavera del Duemila, un nuovo e importante progetto: la raccolta di risparmio tra i soci della Cooperativa.

Seguendo l'esempio di tante altre realtà del Fair Trade italiano, anche ExAequo decide di offrire una opportunità ulteriore ai soci che desiderano investire in una economia di giustizia, con la consapevolezza del ruolo sempre più rilevante assunto dalle attività finanziarie anche all'interno del circuito del commercio equo e solidale.

La risposta dei soci è particolarmente positiva e nel giugno del 2001 – a poco più di un anno di distanza dall'avvio della raccolta di prestito sociale – quasi un quarto di loro ha aperto un libretto di risparmio; la raccolta finanziaria, tra capitale e prestito sociale, supera i 270.000 euro.


Con il passare dei mesi l'impegno nel campo della finanza solidale si consolida e si estende tanto a livello cittadino (nei locali della bottega viene ospitato per un lungo periodo l'ufficio "provvisorio" di Banca Etica) quanto nazionale (ExAequo entra nel gruppo di coordinamento delle attività di microcredito realizzate da CTM-Altromercato).

I primi anni del nuovo secolo, segnati dall'attenzione dei media per il movimento "no global" e da una maggiore visibilità politica del Fair Trade, si traducono in un aumento della domanda di prodotti, servizi e informazioni provenienti dal circuito del commercio equo e solidale, che porta a una crescita straordinaria – a Bologna come in tutta Italia – in termini di presenze in bottega e di vendite.

Il 2000 e il 2001 sono anni in cui tutte le voci di bilancio di ExAequo segnalano un radicamento sempre più forte nella realtà cittadina e una maggiore solidità finanziaria.
Gli indicatori che contano dal punto di vista del bilancio presentano tutti incrementi a due cifre: il fatturato annuo aumenta mediamente del 40%, il numero dei soci, il capitale sociale e la raccolta di risparmio crescono del 30%.

Un risultato indubbiamento straordinario che riguarda non solo la nostra cooperativa, ma in generale l'intero consorzio CTM-Altromercato, e che rappresenta la conferma del ruolo non più solo di testimonianza ricoperto dal sistema del Commercio Equo e delle Botteghe del Mondo all'interno del circuito dell'economia solidale.

Tags: commercio equo e solidale, Cooperativa ExAequo, finanza solidale, Banca Etica, prestito sociale , Botteghe del Mondo