Diritto al cibo. Doña Victoriana Sipac Mactzul e Syusy Blady in Cineteca

Lunedì 10 maggio alle ore 18.45 presso la Cineteca di Bologna (via Azzo Gardino 65), ExAequo, Altromercato e la Cineteca presentano il film documentario Yo valgo, yo puedo, yo voy a perder el miedo, di Syusy Blady.

Oltre alla regista saranno presenti Doña Victoriana Sipac Mactzul, artigiana guatemalteca dell'organizzazione Aj Quen, e Lorenzo Boccagni, responsabile artigianato America Latina, Unità Cooperazione & Partnership di Ctm-Altromercato.
Insieme a loro potremo scoprire come sia possibile sostenere comunità indigene e progetti di sviluppo comunitario grazie al commercio equo e solidale.

Alla proiezione seguirà, nel cortile della Cineteca, un aperitivo equosolidale offerto da ExAequo.

Nell'occasione sarà possibile anche firmare per i tre referendum sull'acqua promossi dal Forum Italiano dei movimenti per l'acqua in collaborazione con molte realtà del mondo del fair trade.

Il biglietto per la proiezione è acquistabile direttamente in Cineteca al costo di 4,50 euro.

Il film racconta la storia di un gruppo di artigiane maya del Guatemala sopravvissute all'operazione di pulizia etnica attuata negli anni Ottanta dal governo golpista del generale Rios Montt.

Organizzate in gruppi di base, queste donne hanno trasformato la propria capacità di tessere al telaio in una occupazione vera e propria, che ha permesso loro di vincere l'isolamento e l'esclusione in un paese in cui le discriminazioni di genere e di etnia sono ancora molto forti.

Promuovendo vincoli di solidarietà e di mutualità con altre donne vittime della violenza del regime, la artigiane hanno dato vita ad Aj Quen, un'associazione senza fine di lucro per la promozione dell'artigianato tessile guatemalteco nel circuito equosolidale.
Attraverso il rapporto con le organizzazioni fair trade hanno potuto affrancarsi da relazioni commerciali inique con gli intermediari locali e garantire un futuro per i propri figli, contribuendo nello stesso tempo a rafforzare la loro identità.

Con lo stile leggero che ha reso famosa la serie televisiva Turisti per Caso, il documentario realizzato da Syusy Blady segue idealmente il percorso di un filo di cotone, dalla materia prima al prodotto finito, offrendo uno sguardo d'insieme sulla storia del popolo maya – da prima della Conquista ai giorni nostri – raccontando del connubio tra natura e cultura, della cosmogonia e della produzione tessile come strumento simbolico di attribuzione di senso e di appartenenza etnica.

Il film è stato prodotto dalla Cooperativa Mandacarù di Trento in collaborazione con Ctm-Altromercato, organizzazioni di commercio equosolidale che importano e distribuiscono i prodotti delle artigiane di Aj Quen.

Tags: commercio equo e solidale, Diritto al cibo, Doña Victoriana Sipac Mactzul , Syusy Blady , Cineteca, Aj Quen, sviluppo comunitario , comunità indigene , Rios Montt, maya , artigianato tessile guatemalteco