Il cous cous della solidarietà

I primi rapporti diretti di ExAequo con la Palestina, e in particolare con il Palestinian Agricultural Relief Committees (PARC), risalgono alla metà degli anni Novanta, quando con un progetto sperimentale di importazione realizzato in collaborazione con alcune organizzazioni non governative e il contributo della Regione Emilia-Romagna, arrivò in Italia la prima tonnellata di maftul – il cous cous palestinese – che venne commercializzata da CTM-Altromercato.

Dopo alcune altre esportazioni di prova, il cous cous entrò stabilmente fra le referenze di Altromercato, e oggi il PARC è un interlocutore importante del Commercio Equo e Solidale italiano, da cui annualmente vengono acquistate circa 75 tonnellate di maftul oltre ad altre produzioni tipiche della cultura palestinese (mandorle, olio e datteri al naturale).

Nel dicembre del 2002 una delegazione di ExAequo ha incontrato per la prima volta, a Gerusalemme Est, alcuni rappresentanti del PARC in un momento di grave crisi economica e di deterioramento della situazione umanitaria conseguente allo scoppio della seconda Intifada del settembre del 2000.

Oltre a visitare alcuni progetti sostenuti dal PARC e partecipare a iniziative di solidarietà, il primo viaggio in Palestina ha portato a estendere e sviluppare i rapporti attraverso un gemellaggio di solidarietà con gli obiettivi di:

  • sostenere e promuovere una rete informativa per avere una fonte diretta e aggiornata sulla vita quotidiana dei palestinesi;
  • creare un ponte tra i produttori palestinesi e le cooperative, le associazioni e gli Enti locali italiani con l'obiettivo di attivare rapporti diretti di scambio e di cooperazione decentrata;
  • verificare la possibilità di importazione di nuovi prodotti all'interno del circuito fair trade.

Il "Gruppo Palestina" di ExAEquo ha anche promosso e finanziato, assieme all'Associazione AltreTerre di San Giovanni in Persiceto, un piccolo progetto di sostegno allo studio universitario di un gruppo di ragazzi di Faqua'ah.

Nel 2004 e 2005 vi sono stati altri viaggi in Palestina e in più occasioni sono stati organizzati momenti di approfondimento sulla situazione palestinese e alcuni incontri con rappresentanti del PARC in occasione di loro viaggi in Italia.

Che cosa è il PARC

Il PARC (Palestinian Agricultural Relief Committees) è una delle più importanti ONG palestinesi, impegnata in programmi di sviluppo fondati sulla promozione della produzione agricola.

È stato fondato nel 1983 da un gruppo di agronomi, come risposta al deterioramento dell'attività agricola nella valle del Giordano e nella West Bank, occupate dall'esercito israeliano.
Gli agronomi si rivolgevano agli agricoltori poveri e marginalizzati dell'area, offrendo loro la propria consulenza professionale.

Lo sforzo del primo gruppo di volontari si sviluppò rapidamente, diventando un'organizzazione stabile, che crebbe a sua volta negli anni aumentando e differenziando le attività.

Il programma alimentare di PARC è iniziato nel 1990.
Il progetto consisteva inizialmente nello sviluppo e nella vendita locale di prodotti agricoli tipici: un progetto rivolto alle donne, confinate nelle case o nelle immediate vicinanze e prive del sostegno economico degli uomini, in larga misura morti, imprigionati o fuggiaschi.

Gli agricoltori beneficiari dei programmi di PARC ricevono aiuto per molteplici aspetti della produzione (consulenze agricole, controllo qualità e organizzazione dei gruppi) e della commercializzazione (confezionamento, imballaggio, pratiche di dogana ed esportazione).
Alle iniziative produttive si accompagna la costante promozione delle organizzazioni di base, come le associazioni femminili e le cooperative.

Aggiornamenti

Tags: commercio equo e solidale, Cooperativa ExAequo, PARC, Palestina, cous cous, maftul , Palestinian Agricultural Relief Committees , seconda Intifada